Tags:

Regali di Natale: un viaggio tra tradizioni e sapori

Scoprite il fascino di regali natalizi unici, tra tradizioni affascinanti e aromi indimenticabili. Dalle celebrazioni popolari del mondo, alle idee per ogni tipologia di amico, vi portiamo in un viaggio tra storie di passato e presente.

Barbara Fassio
Barbara Fassio
regali natalizi

Le festività natalizie arrivano cariche di un’atmosfera incantata che si diffonde ovunque. La gioia di donare è un elemento centrale di questa stagione, e trovare il regalo perfetto diventa una vera e propria avventura. Ciò che rende queste settimane così speciali è la possibilità di condividere momenti di felicità e gioia con coloro che amiamo: trovare un dono unico che rispecchi la personalità del destinatario è una sfida affascinante. Lontani dai regali convenzionali, abbracciamo l’idea di regalare esperienze legate al vino, che vanno oltre il semplice oggetto, donando emozioni e condivisione. Qui ne trovate alcune, imperdibili

Scegliere un regalo vinicolo non è solo un gesto di generosità ma anche un viaggio attraverso le tradizioni artigianali e le storie di chi, dietro ogni bottiglia, crea con passione e dedizione. Un regalo enologico è un omaggio alla bellezza di vivere esperienze autentiche e sostenere la maestria di chi lavora con amore e cura nei dettagli.

I giorni in cui si può festeggiare sono molti in questo periodo, ogni nazione ha tradizioni legate allo scambio dei doni e al ricordo delle persone care che portano con sé la gioia della condivisione. Ve ne racconteremo alcune perché scoprire come si festeggia altrove possa essere uno spunto per arricchire la vostra storia. E mentre lo facciamo, perché non pensare a qualche idea regalo perfetta per una persona speciale? Ognuno ha gusti differenti e passioni che scaldano l’anima, troviamo la giusta combinazione per ciascuno di loro.

VIAGGIANDO NEL TEMPO, CON LO SPIRIT GIUSTO

Nell’affascinante Ucraina, le festività natalizie sono avvolte da una tradizione davvero magica: il “Didukh“. Questo antico rituale prende forma in un suggestivo fascio di paglia, ricco di significato e simbolismo, rappresentando l’anima dei bisnonni, un connubio vivente tra le generazioni passate e presenti.

Durante le festività, questo affascinante fascio trova la sua dimora accanto all’albero di Natale, emanando rispetto e raccontando storie di radici profonde e saggezza tramandata nei secoli. È un’esperienza che lega indissolubilmente al passato, creando un ponte affettivo tra ieri e oggi.

E così, come questo affascinante rituale, esistono cibi e bevande che ci offrono un viaggio attraverso il tempo. Sfusobuono, nato dall’osservazione attenta delle tradizioni familiari da parte di Alessandra, è il ponte tra il passato e il presente nell’esperienza enologica. Per chi ha un amico attento all’ambiente, appassionato alle aziende impegnate nella sostenibilità, Sfusobuono offre il regalo perfetto.

sfusobuono

Per le festività, Sfusobuono presenta una soluzione unica, che forse non avevate ancora visto: gli Spirits in bag in box, tra cui Vermouth, Amaro e Mirto, con l’aggiunta di un Americano già miscelato. Questa opzione sostenibile e di qualità offre l’opportunità di diventare barman per sé e i propri cari, esplorando moderne ricette alcoliche con Spirits che narrano una storia di amore per l’ambiente.

Un regalo che unisce il passato e il presente attraverso il legame con il nostro patrimonio. E quale modo migliore per celebrare questa connessione se non sorseggiando questi deliziosi Spirits durante la classica tombola natalizia con amici e parenti? Un’esperienza immancabile, vera e propria poesia di tradizione e innovazione che si concretizza in ogni sorso.

UN DOLCE AL GIORNO, LEVA IL MEDICO DI TORNO

Un Natale che parte in grande anticipo per le Filippine, a settembre, con i “Ber Months”. A concluderli, una tradizione unica, il “Simbang Gabi” o “Misa de Gallo”, nove messe di mezzanotte che culminano nella Vigilia di Natale. Dopo, il rituale della condivisione e dei festeggiamenti prende vita. In queste occasioni il cibo è il collante sociale per eccellenza.

Celebrare con amici e familiari, condividendo pasti abbondanti, è una pratica radicata anche nelle nostre tradizioni. Durante le festività, i dolci giocano un ruolo centrale. Il panettone, ad esempio, ha origini antiche e leggendarie: la storia narra di un giovane pasticcere milanese che, innamorato di una giovane nobildonna, creò questo dolce per impressionarla. Ci spostiamo in Puglia? La cartellata è un dolce fritto intriso di miele, vincotto e mandorle, la cui ricetta è tramandata di generazione in generazione anche in territorio lucano, simbolo di festa e tradizione familiare.

Gli struffoli napoletani, diteci che non ne avete almeno sentito parlare! Sono palline di pasta fritta ricoperte di miele e decorazioni colorate, parte integrante delle celebrazioni partenopee. Il torrone, invece, ha origini antiche e si narra che fosse presente già nell’antica Roma durante le festività. Per chi non ama la sua croccantezza, allora le zeppole di Natale sono l’ideale: soffici dolcetti fritti e ricoperti di zucchero, legate alle celebrazioni natalizie del Sud Italia.

Insomma, potremmo andare avanti per pagine e pagine! La diffusione dei dolci in questo periodo ha radici profonde nella storia e nelle tradizioni. Nel periodo natalizio, le persone cercano appagamento e gioia, e i dolci diventano il miglior modo per addolcire le feste. Se avete (o forse siete voi?) un amico goloso, potete regalargli un abbinamento che è tanto tradizionale quanto delizioso: un buon vino passito come il Valcalepio DOC Moscato Passito Ros di Castello di Grumello, per accompagnare queste ricette. Questo dono non solo delizierà il palato dell’appassionato dei dolci, ma aggiungerà anche un tocco raffinato e unico alle celebrazioni natalizie. E se voleste rendere ancora più immersiva questa esperienza? Regalate la possibilità di assaggiarlo direttamente in cantina: un’esperienza unica, alla scoperta non solo di una azienda vinicola, ma di un vero castello ricco di storia. La torre a merlatura guelfa con l’antico ingresso, la sala dei Cavalieri e le cantine accompagneranno un racconto che risale all’anno Mille.

CANTI DI NATALE TRA LE VIGNE

Nel calore natalizio del Venezuela, la “Nochebuena” è una sinfonia di gioia e melodia. La tradizione della “parranda” riunisce le persone nelle strade illuminate, cantando canzoni natalizie fino alle prime ore del mattino. Un vero e proprio concerto itinerante, questa festa prevede canti e cibi tradizionali, creando un’atmosfera magica che celebra la condivisione e la musica.

E parlando di armonia collettiva, la Cantina di Carpi e Sorbara è un’autentica celebrazione del canto corale. Questa cantina di cooperativa si definisce proprio come “canto corale fatti di 1.200 viticoltori che si sono uniti in un grande, festoso concerto”. Ogni bottiglia è una nota armoniosa, creata con passione e dedizione da generazioni di viticoltori che hanno unito le loro voci per creare qualcosa di straordinario. Per chi ama la storia, un regalo da questa cantina è una vera e propria capsula temporale: fondata dalla fusione di due cantine rispettivamente del 1903 e del 1923, la Cantina di Carpi e Sorbara è un omaggio vivo alla tradizione vinicola che ha resistito alla prova del tempo. Ogni sorso è una storia raccontata attraverso il tempo, un legame tangibile tra le generazioni e un’autentica esperienza vinicola. Un regalo che unisce la melodia festosa del presente con le radici profonde del passato. 

LA TERRA DEL WOMEN’S CHRISTMAS

In Irlanda, esiste una tradizione unica chiamata “Nollaig na mBan” o “La Festa delle Donne,” celebrata all’Epifania. In questa occasione, le donne si riuniscono per un pasto e una serata speciale, escludendo gli uomini, per rafforzare i legami femminili. Le donne così possono riposare dopo lunghe settimane passate a scaldare l’atmosfera, perchè spesso sono proprio loro a guidare le festività in famiglia. Un giorno di riposo, in cui a casa qualcuno disfa le decorazioni e sistema il disordine al loro posto se lo meritano, giusto? Anche in Toscana, a Greve in Chianti, è una donna che fa da collante durante le festività, ma non solo: è la guida appassionata della cantina di famiglia, Castello Vicchiomaggio. Victoria Matta e la sua famiglia offrono un’esperienza avvolta dal calore della tradizione e della passione. Accolgono e guidano i visitatori curiosi tra le stanze del castello, lasciando gustare vino e olio di produzione assolutamente a km 0. 

Per chi ha un amico sempre in viaggio, esploratore e anima irrequieta, il regalo perfetto è un viaggio alla scoperta di Vicchiomaggio. Offrendo non solo una visita guidata e una degustazione, ma anche la possibilità di pernottare presso la cantina, regalerete un’esperienza completa e indimenticabile. Un modo perfetto per condividere la magia delle tradizioni irlandesi in un angolo di Toscana.

E così concludiamo questo viaggio attraverso tradizioni uniche e regali originali. Che decidiate di brindare con gli Spirits di Sfusobuono o di passare le festività al Castello Vicchiomaggio, vi auguriamo di trovare in questi regali il calore delle feste e la gioia di condividere esperienze speciali. Che le vostre festività siano illuminate da sorrisi, buon cibo, e il piacere di donare qualcosa di davvero unico!

Leggi anche