8 VINI PER UN BBQ DI FERRAGOSTO INFUOCATO

Redazione di VINHOOD

barbecue

Anche quest’anno non hai ancora deciso cosa fare a Ferragosto? 

Alla fine lo sappiamo, ci penserai e ripenserai, chiederai a tutti i tuoi amici di fare qualcosa di diverso e super entusiasmante ma, alla fine, ripiegherai sulla classica grigliata.

Che diciamolo dà sempre grandi soddisfazioni, soprattutto quando è innaffiata da dell’ottimo vino.

Ecco i nostri otto abbinamenti per un BBQ infuocato. 

CARNE ALLA GRIGLIA E ROSSO #AFRODISIACO: IL MATRIMONIO PERFETTO

Quando si parla di grigliata la prima cosa che viene in mente sono montagne di costine e fiumi di salsicce da arrostire.

Ma sia che si tratti di carne di maiale che di manzo, due sono gli elementi da considerare: la nota affumicata data dalla brace, e le spezie della marinatura o del condimento.

E in entrambi i casi il rosso adatto è uno dal carattere #Afrodisiaco, cioè un vino dal buon grado alcolico in grado di asciugare i grassi e gli umori della carne al palato e dalla morbidezza suadente, capace di esaltare o attenuare le note affumicate e piccanti/speziate.

Il consiglio? Provate il Perdera di cantina Argiolas, un Monica al 100%.

Se lo bevete di giorno e fa molto caldo meglio servirlo leggermente fresco. 

BISTECCONE DI MANZO E CHIANTI: UN CLASSICO

Per la bistecca di manzo il vino da scegliere è invece un rosso #Carismatico, con la giusta acidità per sgrassare la bocca, equilibrato e dal profumo non troppo esagerato per lasciare spazio al gusto della carne.

Il vino giusto è un grande Chianti Classico DOCG “Guado Alto” di Castello Vicchiomaggio, un vino caldo e incredibilmente equilibrato in bocca.

GRIGLIATA DI PESCE CHIAMA, SAUVIGNON RISPONDE

Se la grigliata è quella di pesce magari in riva al mare allora non ci sono scuse, si deve scegliere un bianco, fresco e sapido ma anche profumato.

A noi piace il Basaricò, il Sauvignon Blanc dell’azienda Marco e Vittorio Adriano, dall’inconfondibile odore di basilico e foglia di pomodoro dal carattere #Stuzzicante.

I profumi varietali sono molto netti e riconoscibili ma rimane molto elegante sia al naso che al sorso, insomma ha quel tocco di Sauvignon d’Oltralpe.

grigliata di pesce

GRIGLIATA DI VERDURE PER “SGRASSARE”

La verdura in una grigliata che si rispetti non manca mai. Si aggiunge inizialmente per “sgrassare” quella di carne, ma finisce che è proprio lei a dare sapore al tutto.

Quando però vogliamo darle un ruolo da protagonista le vie da seguire sono due: o optiamo per un rosso leggero e fruttato dal carattere #Rilassato come il Curtefranca di Agricola il Dosso, oppure scegliamo un bianco #Estroverso, fresco e sapido come il Gavi di La Scolca.

Il primo è un blend di Merlot, Cabernet Sauvignon, piccole percentuali di Nebbiolo e Barbera prodotto in Franciacorta e si sposa molto bene a melanzane e peperoni.

Il secondo è un Cortese al 100% e sta a meraviglia con le verdure più delicate come zucchine ma anche le cipolle.

FERRAGOSTO  CRUELTY FREE: I VINI PER LA GRIGLIATA VEG

Lo sappiamo, capita anche ai migliori di avere degli amici vegani.

Ma noi gli vogliamo bene lo stesso e non ci piace farli sentire esclusi nella festa dell’amicizia per antonomasia: ferragosto.

Quindi dopo aver aver fatto rifornimento in quelle corsie mai esplorate prima del supermercato o di macellerie vegan friendly, siamo pronti per accoglierli alla grande.

Se avete optato per dei burger di Beyond meat allora scegliete un rosso #Afrodisiaco. Il gusto dei vari prodotti è veramente simile a quello della carne, solo che è leggermente meno grasso, vi consigliamo di abbinarci questo Grignolino del Monferrato Casalese ‘Bricco Mondalino’ di azienda Gaudio.

Se invece vi siete buttati su dei burger di legumi allora meglio scegliere un vino #Eccentrico come il Metodo Ancestrale dell’azienda il Paluffo, un Trebbiano IGT leggermente macerato.

Una vino naturale con una bollicina solleticante e un inebriante profumo di fiori. 

Così incredibile che vi farà ricredere sui Ferragosto Cruelty Free.

SCAMORZA TIME PER UNA GRIGLIATA #CREATIVA

Amanti del formaggio alla griglia? Secondo noi il migliore di sempre è la scamorza, meglio se affumicata, ma anche il tomino si presta alla grande. 

In ogni caso un vino che si sposa benissimo con il formaggio alla griglia è il rosato
.

Il nostro preferito è il Don Pietro rosato: un Nero d’Avola siciliano dal carattere #Creativo di Dei Principi di Spadafora particolarmente fresco e sapido ma strutturato allo stesso tempo. 

scamorza alla griglia

Leggi anche

  • LA MESCITA MENEGHINAmescita meneghina
    A Milano si chiamavano “trani”: osterie dove giocare a carte e bere vino. Oggi sono i locali per un aperitivo con gli amici o per assaporare un calice a fine serata. Scoprite con noi quali sono le migliori enoteche di mescita di Milano.
  • IL REGALO DA DEGUSTAREvini da regalare
    L’atmosfera che si respira nel mese di Dicembre è unica, ma la corsa affannosa alla ricerca del regalo giusto la può guastare. Per evitare attacchi di panico e doni banali, ecco i nostri suggerimenti originali: regalate un’emozione, un’esperienza che prolunghi la magia di queste feste.
  • DENOMINAZIONI NEL BICCHIEREuva
    Partiamo con quella che potrebbe sembrare un’ovvietà, ma come dicevano i latini “repetita iuvant” (le cose ripetute aiutano) e quindi, sappiamo tutti cosa sono DOC e DOCG?