PANETTONI D’AUTORE E VINI: I MIGLIORI ABBINAMENTI PER UN NATALE DI TENDENZA

Redazione di Vinhood

panettoni e vino per natale 2020

È tempo di Natale e anche in questo 2020 così strano, porteremo sulle nostre tavole il dolce natalizio per eccellenza: IL PANETTONE. Un classico intramontabile delle feste natalizie che attendiamo di gustare ogni anno in tutte le sue varianti. 

C’è l’antica ricetta tradizionale per i “puristi”, le versioni al cioccolato, quelle con le creme per chi vuole osare, la versione con frutta secca per chi cerca un po’ di brio, sono davvero tante le varietà che vengono incontro ai gusti più disparati. 

E, come per ogni festa e tradizione che si rispetti, il dolce va arricchito con un buon vinello, dalle bollicine ai passiti, dai rossi ai bianchi, che esalti e valorizzi il suo gusto. 

Noi di Vinhood abbiamo pensato di selezionare per voi quattro tipi di panettoni abbinati a quattro tipologie di vini sulla base dei nostri #Caratteri.

UN CLASSICO INTRAMONTABILE BY SADLER

panettone tradizionale di Sadler abbinato al vino Moscato d'Asti della cantina Vittorio Adriano vini

Il panettone tradizionale milanese è un evergreen, un classico intramontabile sulle tavole degli italiani.

Noi vi suggeriamo l’interpretazione di Claudio Sadler che unisce la tradizione all’innovazione. Il dolce è realizzato seguendo un processo lento di lavorazione a più impasti e si caratterizza per l’utilizzo del lievito madre e di materie prime di altissima qualità:

uova fresche di galline di origine italiana allevate all’aperto, vaniglia Bourbon abbinata a succose uvette sultanine e alla gustosa e profumata frutta candita delle arance siciliane.

Ad arricchire il tutto, croccanti mandorle siciliane che adornano la cupola dolcemente rosolata e costellata di granelli di zucchero. Al classico panettone milanese vi suggeriamo di abbinare un vino #Brioso come il Maddalena, il Moscato d’Asti della cantina Adriano vini, capace di esaltare la semplicità e bontà del dolce. Profuma di fiori di salvia, limone, tiglio e acacia e in bocca ricorda l’albicocca e la pesca.

LA LIMITED EDITION AL CIOCCOLATO FIRMATA ARMANI

panettone al cioccolato di Armani in abbinamento alla Malvasia di casorzo di Cantina Gaudio

Sapevate che Armani ha una linea dedicata ai dolci? Nasce nel 2002 come espressione del lifestyle Armani dedicata al mondo del gusto. 

Pensato inizialmente per il flagship store Armani/Manzoni 31 a Milano, oggi conta oggi oltre 15 punti vendita nel mondo.

Sul sito dedicato potete sbizzarrirvi tra praline, cialdine, confetture, miele, prodotti da forno, Tè e infusi, biscotti e un’intera collezione dedicata al Natale. Tra le proposte 2020 ci incuriosisce il panettone al cioccolato by Guido Gobino, maestro pluripremiato del cioccolato torinese, una limited edition di 100 pezzi ricoperto di cioccolato e impreziosito da decorazioni e logo Armani/Dolci color oro.

Il panettone è proposto in un packaging molto elegante ispirato agli effetti della seta ikat del tessuto Portland della collezione Armani/Casa 2020. Insomma una chicca imperdibile per veri fashionisti disponibile solo nel punto vendita Armani/Dolci di Milano.

Ad esaltare il gusto del panettone al cioccolato suggeriamo l’abbinamento con un vino #Brioso rosso come la Malvasia di Casorzo di cantina Gaudio Bricco del Mondalino.

Un vitigno particolarissimo e unico del Piemonte che profuma di rosa, fragola, lampone e mirtillo.

IL PANETTONE STRUTTURATO DI VINCENZO TIRI

panettone all'albicocca e frutta secca di Vincenzo Tiri abbinato al passito di Albana di Romagna di Podere Palazzo

Per chi vuole osare e ama assaporare nuove ricette in tema panettone, suggeriamo quello proposto da Vincenzo Tiri, il maestro dei lievitati, di Tiri 1957.

Una delle new entry della storica insegna di Acerenza (Potenza), è il panettone con albicocca semicandita e gianduia. L’incontro delle

albicocche con il cioccolato impreziosito con le nocciole Piemonte IGP, crea un gusto deciso che si ricorda per sempre. Il panettone è realizzato secondo il metodo “Tiri”, caratterizzato cioè da un triplice impasto, ossia tre rinfreschi e tre lievitazioni e settantadue ore di lavorazione.

Per un panettone strutturato come questo suggeriamo un vino #Affettuoso come Pelide, l’Albana di Romagna passita di Podere Palazzo. Al naso è complesso e variegato dai toni di albicocca, fiori gialli, spezie dolci e agrumi canditi.

IL PANETTONE AL LIMONCELLO DI ANTONIO CANNAVACCIUOLO

Panettone al limoncello di Antonino cannavacciuolo abbinato al vin santo geografico di Tenute piccini

Se amate il classico tradizionale ma cercate un po’ di brio il panettone al limoncello proposto dal noto chef Antonino Cannavacciuolo fa al caso vostro.

Un prodotto di alta cucina e qualità che segue un processo lento e lungo di lavorazione: una lievitazione di trentasei ore con cinque passaggi d’impasto, una lavorazione artigianale con “pirlatura” manuale, nel pieno rispetto della tradizione a cui si aggiungono sette ore di riposo a “testa” in giù.

Farina di grano 100% italiano, tuorlo di uova ottenute da galline italiane allevate a terra, burro italiano di alta qualità, lievito madre decennale e vaniglia bourbon del Madagascar sono gli ingredienti principe di questa chicca natalizia. Il panettone è contenuto in un’elegante confezione creata dalle sapienti mani di un maestro della cartotecnica italiana, ideale per essere regalato.

Ad accompagnare il gusto deciso del dolce al limoncello vi suggeriamo un buonissimo vino #Affettuoso: il Vin Santo del Chianti di Geografico, cantina ora entrata nell’orbita di Tenute PicciniIl profumo è intenso e ricco, caratterizzato da richiami ai datteri e all’albicocca essiccata, al miele e all’uva passa, alla mandorla e alla frutta secca in genere. 

Quale di questi abbinamenti vi è piaciuto di più?

FAI IL TEST