COME FUNZIONA IL TEST DI VINHOOD

Redazione di Vinhood

CONOSCI IL TEST DEL GUSTO DI VINHOOD?

Il test del gusto è la bussola made in Vinhood che aiuta le persone ad orientarsi in una nuova geografia del bere!

Attraverso poche e semplici domande, è in grado di capire le tue preferenze in tema di gusto e suggerirti la tipologia di vino che più si addice al tuo palato. Lo scopo principale di questo strumento è l’assistenza al consumatore nella scelta del vino soprattutto in quei luoghi dove non è possibile chiedere un consiglio a nessuno in tema di vino come supermercati, e-commerce e ristoranti dove non c’è un sommelier. Quello che devi sapere è che dietro a quelle domande così apparentemente banali si sviluppa un algoritmo intrigato ed elaborato, studiato insieme ad esperti del gusto, sommelier e neuroscienziati e oggi ti spiegheremo come funziona.

COME FUNZIONA? 

L’algoritmo è un procedimento di calcolo numerico e quello ideato da Vinhood è in grado di comprendere i gusti personali o più in generale le esigenze dei consumatori. Per renderlo poi fruibile e coinvolgente per il consumatore, è stata creata un’interfaccia grafica che presenta una serie di domande e un numero limitato di risposte associate a esse, un semplice e divertente test.

L’utente deve scegliere l’opzione preferita tra le diverse possibilità proposte. 

Ad esempio viene richiesto di esprimere la preferenza tra:

  • differenti pietanze o piatti
  • differenti bevande, o preferenze di consumo in uno specifico momento della giornata

Ad ogni risposta sono stati assegnati dei punteggi in base alle differenti caratteristiche organolettiche. 

Grazie ai dati ottenuti, attraverso quello che possiamo chiamare un Sommelier Virtuale, l’algoritmo calcola il profilo gustativo dell’utente ed in seguito raccomanda la tipologia (o le tipologie) di vini che meglio si addicono a quelle caratteristiche. 

Il Sommelier Virtuale utilizza domande e risposte collegate ad abitudini quotidiane per aiutare l’utente durante il percorso e assicurare che il principale criterio di scelta siano i suoi gusti personali. Inoltre per evitare possibili incomprensioni l’utilizzo di termini tecnici è limitato. Anche domande direttamente collegate al vino sono limitate, proprio perchè è pensato anche per quelle persone che non hanno molte conoscenze a riguardo. 

Nella maggior parte delle combinazioni di risposte, la domanda finale del Sommelier Virtuale chiede una preferenza a livello di vino. L’utente può scegliere tra bianco, rosso, bollicine o lasciare a noi la scelta. Il risultato è appunto un #Carattere di vino e quindi una categoria dentro cui risiedono diverse specifiche etichette. In questo modo si può scegliere un vino oltre che per il gusto e l’affinità con il palato, anche per il prezzo.

LA CLASSIFICAZIONE DEI VINI

Ogni #Carattere ha una o più caratteristiche prevalenti che lo rendono unico e differente dagli altri. 

I vini devono rispecchiare le caratteristiche prevalenti di uno specifico #Carattere per poter essere classificati come tale. Per fare questa assegnazione, abbiamo studiato un approccio che considera sia le caratteristiche del vino rilasciate dall’azienda produttrice (scheda tecnica) sia l’assaggio diretto (quello che preferiamo).

In primo luogo si determinano le caratteristiche del vino (ad esempio: colore, livello zuccherino, …) che limitano la possibile appartenenza di ogni vino ad alcuni #Caratteri. 

Per per l’assegnazione finale, il vino deve essere assaggiato da un panel di almeno 20 persone, e deve essere esposta una chiara preferenza verso un singolo carattere (almeno la metà dei pareri). 

In ogni caso la valutazione deve essere poi verificata dal nostro team di Sommelier e Sensory Expert, che sulla base delle preferenze di carattere e considerando l’andamento delle degustazioni passate è in grado di effettuare eventuali aggiustamenti.

Detto ciò, che ne dite di provarlo cliccando il bottone qui sotto!?